STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE

FALLETI & Partners

Contattaci:
0131 1850020

Semplice influenza o COVID? Il professore risponde

In questo periodo difficile per il paese sia dal punto di vista sanitario che economico molte sono le domande che legittimamente ci poniamo, assaliti da mille dubbi.

Questo virus ci tiene bloccati in casa,  ogni uscita una missione alla 007, utilizziamo litri di disinfettante, guanti e cerchiamo di proteggerci al meglio.

Ma una domanda credo sorga spontanea a chiunque, sopratutto a chi dalla fine del mese di febbraio è segregato in maniera ligia presso la propria abitazione evitando accuratamente ogni contatto esterno.

 

Ma se contraggo una febbriciattola stando a casa per via un colpo d’aria, un ascesso  o qualsiasi altra cosa, cosa succede? Se sono certo di non essere mai venuto a contatto con nessuno, come la devo curare?

E’ chiaro che ti assalga qualsiasi paura di aver contratto il Covid-19 ed iniziano mille domande e timori.

Abbiamo sentito sul tema un autorevole professionista, il Professor Pietro Luigi Garavelli Primario del reparto malattie infettive dell’Ospedale Maggiore della Carità di Novara il quale ci ha prontamente risposto: ” Evitate fattori confondenti come colpo d’ aria!” e tutto ciò che possa portarti ad avere qualche linea di febbre in quanto “Qualsiasi febbre deve essere considerata Covid e trattata come tale col Plaquenil, ahimè!”.

Ricordiamo che il professore è stato uno dei primi in Italia – ed in tempi non sospetti a segnalare l’efficacia del Plaquenil come farmaco da somministrare nell’immediatezza dei primi sintomi domiciliari per scongiurare un peggioramento della situazione clinica.

Pertanto, ovviamente per chi può, massima attenzione a qualsiasi fattore che possa determinare anche solo una piccola febbriciattola che un tempo avremmo considerato banale e curata con dell’antipiretico.

Ad oggi qualsiasi febbre  sarà trattata in via preventiva ( per fortuna e speriamo) come febbre da Covid e curata alla sua manifestazione con gli stessi farmaci.

Speriamo che nelle prossime settimane con un calo drastico delle emergenze, il nostro sistema sanitario si adoperi per garantire a tutta la popolazione il test coi tamponi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *